mercoledì , 28 giugno 2017
Home / Comunicati / FAMIGLIE IN POVERTA’. Non si può più ragionare in termini di emergenza

FAMIGLIE IN POVERTA’. Non si può più ragionare in termini di emergenza

Secondo l’Istat sono oltre tre milioni le famiglie, per un totale di sette milioni di persone, che vivono in uno stato di “deprivazione materiale”. «Una situazione che ben conosciamo» commenta Gigi De Palo, presidente del Forum delle associazioni familiari. «Riceviamo ogni giorno telefonate o mail di persone che non riescono a riscaldare adeguatamente la propria casa, che vanno in crisi per una spesa imprevista o che sono in arretrato nel pagamento delle bollette o delle rate del muto. Questo è il Paese reale, quello della gran parte degli italiani.
«Sono anni che commentiamo gli stessi drammatici dati Istat. Non si può continuare a ragionare in termini di emergenza. A forza di aspettare, anno dopo anno, a entrare in crisi sarà l’equilibrio sociale del Paese al punto da non essere più recuperabile».
«Siamo stanchi di chiedere sempre le stesse cose» conclude De Palo. «La famiglia deve diventare la priorità di tutte le forze politiche. Senza una riforma fiscale che metta al centro la famiglia, nei prossimi anni commenteremo dati ancora peggiori».